Rachida, una donna marocchina in Italia

31.08.2015 - ProMosaik

Rachida, una donna marocchina in Italia
(Foto di Promosaik)

Intervista di Antonietta Chiodo on una donna marocchina che vive da anni in Italia. La chiamiamo Rachida. Ci racconta la sua storia, il suo essere donna, i suoi sogni e le sue delusioni.

Donne straniere in Italia, il sogno islamico condiviso nella realtà occidentale.

Dai dati che riguardano l’immigrazione nel nostro paese emerge un’impennata non indifferente, negli ultimi anni la figura femminile ne ricopre una cospicua fetta sino al 51,8 % della popolazione straniera  in Italia. Importante notare anche la nascita di parecchie associazioni fondate da donne immigrate, di culture diverse che unendosi hanno trovato la possibilità di combattere la discriminazione che purtroppo ancora fa capolino nella quotidianità italiana.

Sono quindi convinta che sia importante dare voce alle donne che con coraggio, senza abbandonare le proprie radici e conservando una individualità personale creano fondamenta per un futuro all’interno di una cultura diversa anni luce dalla loro.

Onorata di avere intervistato una donna come Rachida, una donna semplice, piena di allegria e di una simpatia spiazzante riservando ad ogni istante una battuta per sdrammatizzare la sua situazione o l’imbarazzo che questa intervista possa crearle. La osservo nel suo contesto armonioso, una folta chioma di capelli scuri quasi ricci le circondano il viso e quella sorridente bocca apre un modo al centro della sua carnagione abbronzata, mentre gli occhi brillano e le sue mani gesticolano in continuazione, la sua allegria è spiazzante soprattutto con quello straordinario accento emiliano che dona ancora più gentilezza alle sue parole. Non sono abituata ad osservare persone così disponibili verso il prossimo rendendomi così conto che da questo incontro la lezione più grande l’avrò acquisita quasi certamente io.

Rachida nasce in Marocco nella città di Al Jadida il 6 maggio 1977, sceglie di raggiungere l’Italia a soli ventitré anni, ora abita a Bologna da parecchi anni.

Quando sei arrivata in Italia e perché hai scelto il nostro paese per cambiare la tua vita?

In realtà l’Italia non era nel mio immaginario giornaliero, da noi non se ne parla, si studia qualcosa sui libri di scuola, pensavo di più alla Francia, perché noi parliamo francese e molti nostri connazionali sono lì. Direi che è stato un caso, perché mi sono sposata in Marocco, mio marito partì per l’Italia in cerca di lavoro ed io scelsi di raggiungerlo. Mi imbarcai su una nave e proseguì il mio viaggio in automobile e ricordo di essere stata emozionatissima ma felice, ero curiosa, infatti per me era un grande cambiamento.

 Questa idea dell’Italia isola felice è un’utopia?

Diciamo che si pensa all’Italia come ad una grande fortuna, alla possibilità di lavorare e di rifarsi una vita. L’unico problema è che questo sogno risale oramai ad almeno quindici anni fa, ora in realtà non è più così, ma certe informazioni da noi non arrivano a meno che tu non abbia parenti lì.

Potresti raccontarci l’Islam attraverso gli occhi di una donna marocchina moderna?

Domanda complicata, da donna moderna che arriva da un paese come il Marocco e che non porta il velo, quella musulmana la considero una bellissima religione, al contrario di ciò che molti pensano. Il Corano insegna a rispettare la donna in tutto e per tutto ed io sono fiera di essere musulmana. Nei testi religiosi sui doveri delle donne si parla dell’obbligo il velo, ma da nessuna parte si cita il velo facciale obbligatorio. Tutto cambia attraverso gli occhi dell’uomo musulmano che interpreta la nostra religione e la nostra cultura, dipende soprattutto dal suo potere politico e sociale e da come lui personalmente vede la donna che gli sta accanto.

L’Occidente secondo te è una falsa illusione?

Dipende da tanti… troppi fattori. Non è scontato nulla qui. La mia difficoltà più grande è stata la lingua, parlavo solo francese e non capivo una parola di italiano, dunque mi sono sentita persa in alcuni momenti.

Non comprendevo questa società, aveva fretta ed era tutto molto veloce, in tutto questo però sono stata fortunata perché ho conosciuto molti italiani che parlavano francese. Questi mi hanno aiutata a comprendere cose che non sarei mai riuscita a capire, devo dire infatti di avere degli amici meravigliosi.

Il razzismo hai avuto la fortuna di incontrarlo?

Mamma mia, sì che lo ho incontrato! Un’esperienza brutta, terribile! Sul lavoro, sull’autobus e pure dal fruttivendolo mi sono sentita dire “Se non ti va bene, torna a casa tua!”

Come ti sei sentita?

Mi sono sentita straniera e umiliata.

Secondo te cosa l’Islam potrebbe insegnare all’Occidente e cosa l’Occidente potrebbe insegnare all’Islam?

L’Islam potrebbe insegnare la pace all’Occidente perché la nostra è una religione della pace. Il terrorismo e tutto quello che si sente non fa parte di noi. Infatti chi è realmente musulmano ed ha studiato per bene viene indirizzato verso l’amore e la tolleranza.

L’Occidente potrebbe insegnare a quelli che dicono di essere musulmani a rispettare la donna. Ad esempio, il Corano recita che non puoi obbligare una donna a sposare un uomo che non ama.

Vivere in Italia ti ha donato un’identità o senti che ha cercato di portartela via?

No, no, assolutamente, mi ha donato un’identità, infatti sta a me scegliere che cosa e chi voglio essere.

Qual è l’insegnamento che vorresti che la tua bambina porti con se?

Essere una donna forte con una sua identità, rispettare il prossimo che è la base di tutto. Importante e fondamentale è anche conservare le proprie radici, che sono e restano la nostra forza.

Riguardo al flusso migratorio che sta prendendo di mira l’Europa, quali sono le tue sensazioni?

Rachida: Sono spaventata, molto spaventata, mi fa venire voglia di andarmene. Penso al futuro della mia bambina perché qui sto tribolando, ci sono poche possibilità di crescere. Vorrei darle dei sogni e farla studiare fino a laurearsi per potere diventare qualcuno. Vorrei conoscere un’altra realtà, sento che l’Italia stia andando a rotoli.

Antonietta Chiodo

Categorie: Africa, Diversità, Europa, Interviste
Tags: , , , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.