In solidarietà con il Venezuela, in azione per il nostro Paese

14.04.2015 - Gianmarco Pisa

In solidarietà con il Venezuela, in azione per il nostro Paese
(Foto di www.facebook.com/exopgjesopazzo)

 

Si è svolto nel corso di tre giornate, gli scorsi 10, 11 e 12 aprile, il secondo incontro italiano di solidarietà con la rivoluzione bolivariana, che ha radunato, in tre luoghi particolarmente significativi della città di Napoli, organizzazioni sociali e culturali, associazioni e comitati, partiti e collettivi, reti e articolazioni sociali, che s’ispirano agli ideali della democrazia e del progresso, si riconoscono in una comune azione contro l’imperialismo e contro la guerra e si collocano a fianco del “processo” bolivariano, con le sue conquiste ed i suoi traguardi.

A convocare, in occasione del precedente incontro nazionale, tenuto lo scorso anno a Roma, nel corso del quale era stato dato vita alla costituzione della rete nazionale, i lavori del secondo incontro è stata la rete nazionale di solidarietà “Caracas ChiAma”, che rappresenta un’esperienza, singolare per molti aspetti, di “affinità” tra soggettività sociali e politiche, strutturate e non, che intendono, idealmente e concretamente, istituire un ponte – per dirla in termini bolivariani – “reciproco e solidario”, tra Roma e Caracas, tra i diversi nodi locali della rete italiana e l’esperienza della rivoluzione socialista in Venezuela, da Chavez in poi.

Molto significativi, come si diceva all’inizio, i luoghi che hanno ospitato la tre giorni bolivariana a Napoli, rispettivamente l’ex Asilo Filangieri, a suo tempo destinato a sede del fallimentare Forum Universale delle Culture di Napoli e oggi occupato e restituito alla fruizione pubblica dal collettivo dei lavoratori dell’immaginario dell’Asilo (che ha ospitato la giornata inaugurale), la Mensa Occupata, il cui collettivo ha ripristinato e messo a funzione sociale gli spazi della ex mensa universitaria di Napoli (che ha ospitato i tavoli di lavoro della seconda giornata) e l’ex-OPG “Je so’ pazzo”, dove le strutture dell’ospedale psichiatrico giudiziario dismesso, luogo di reclusione e sofferenza, sono stati trasformati in luoghi di inclusione e di iniziativa, sociale e culturale (che hanno ospitato i lavori della sessione plenaria finale).

É stato soprattutto nella sessione inaugurale, con la partecipazione alla conferenza di apertura, tra gli altri, dell’ambasciatore in Italia della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Isaias Rodriguez, dei consoli generali a Milano e a Napoli, e dell’ex ministro dell’ambiente del governo bolivariano, Ana Elisa Osorio; e nella sessione conclusiva, con l’intervento di Amarillis Gutierrez Graffe, console a Napoli della Repubblica Bolivariana, che si è messo a fuoco il tema dell’evento: quello cioè della solidarietà internazionale “nei due versi”, per il Venezuela, in un momento estremamente difficile della propria storia, stretto tra le minacce della Casa Bianca, che è giunta a dichiarare ufficialmente il Venezuela una “minaccia” alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, e le violenze della opposizione interna, in buona parte eversiva e golpista, le cui violenze di piazza (“guarimbas”) hanno sin qui provocato 43 morti e oltre 800 feriti; e per l’Italia e l’Europa, per un nuovo modello di sviluppo e una nuova articolazione delle relazioni sociali.

È soprattutto questo il motivo della composizione dei quattro tavoli di lavoro della seconda giornata, che hanno inteso mettere a fuoco i temi salienti della transizione bolivariana al socialismo e gli argomenti da cui trarre maggiore ispirazione per i movimenti sociali italiani, nella loro attivazione, come più volte è stato detto, contro l’imperialismo e per la “pace con giustizia sociale”, contro le ingerenze e per una autentica inclusione ed emancipazione sociale: la formazione teorico-politica e i diritti del lavoro; le questioni di genere e del ruolo del “maschile” e del “femminile”; l’impegno dei giovani e il ruolo dello sport; i processi di integrazione regionale e per la pace, nella prospettiva, ancora tutta da indagare, dell’eco-socialismo.

I più di cento partecipanti hanno così animato una riflessione impegnativa ed esigente, non sempre lineare, eppure in ogni momento stimolante, che ha saputo articolare quesiti ed interrogativi, questioni e problematiche, di grande attualità e di estremo interesse, intorno ai quali le soggettività impegnate nell’iniziativa sociale non possono non cimentarsi.

Categorie: Europa, Politica, Sud America
Tags: , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


video 10 anni Pressenza

Sciopero femminista globale

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.