Made in… trasparenza e rispetto dei diritti

27.03.2015 - MISNA Missionary International Service News Agency

Made in… trasparenza e rispetto dei diritti

In un recente rapporto, “Work faster or Get Out”: abusi sui diritti del lavoro diritti nelle fabbriche di abbigliamento della Cambogia”, l’organizzazione per i diritti Human Rights Watch (Hrw) ha documentato le lacune dell’applicazione del governo cambogiano delle leggi sul lavoro e la necessità delle marche internazionali di abbigliamento di migliorare il monitoraggio e la conformità.

Molte fabbriche in Cambogia usano contratti a breve termine, emessi ripetutamente per evitare di pagare i lavoratori di maternità e di altri benefici, ma anche per intimidire e controllare. I lavoratori con contratti a breve termine che cercano di formare sindacati o di far valere i propri diritti sono particolarmente a rischio di non avere i loro contratti rinnovati. Molte marche di abbigliamento non hanno preso misure adeguate per porre fine a tale uso illegale di contratti a breve termine nelle loro fabbriche dei fornitori cambogiani, anche quando i codici di condotta dei loro fornitori hanno clausole che limitano il loro uso.

Secondo Hrw, rivelando pubblicamente e aggiornando i nomi dei fornitori, i marchi di abbigliamento consentono il controllo pubblico delle loro catene di approvvigionamento e allo stesso tempo li aiutano ad evitare fornitori con cattive condizioni di lavoro e altri problemi di diritti umani. Questa trasparenza permette inoltre di mettere in luce le fabbriche, autorizzate o non autorizzate, a produrre abbigliamento per una particolare marca. I fornitori, a volte, subappaltano il lavoro ad altre fabbriche, dove i lavoratori sono soggetti a condizioni pericolose o abusive e senza l’autorizzazione di produrre per determinati marchi.

Secondo i “Principi guida delle Nazioni Unite per le imprese e i diritti umani”, le aziende hanno la responsabilità di prevenire o mitigare gli impatti negativi dei diritti umani che sono direttamente legati alle loro operazioni, prodotti o servizi per i loro rapporti commerciali, anche se non hanno contribuito a tali impatti. Le linee guida delle Nazioni Unite affermano inoltre che dove le imprese identificano che hanno causato o contribuito a impatti negativi, dovrebbero prevedere o collaborare al loro risanamento attraverso processi legittimi.

Il problema della trasparenza è emerso fortemente a livello internazionale dopo il crollo del complesso Rana Plaza, vicino a Dhaka, in Bangladesh, il 24 aprile 2013, che ospitava una serie di fabbriche di abbigliamento e dove più di 1.100 operai, per lo più giovani donne, sono morte e altre centinaia sono rimaste ferite. Oggi sono molte le campagne in corso in Europa e negli Stati Uniti, ma anche negli stessi paesi produttori, che chiedono alle marche di abbigliamento, calzature, elettronici e prodotti agroalimentari di promuovere i diritti dei lavoratori nelle loro operazioni globali rivelando pubblicamente le fabbriche che producono i loro prodotti.

Categorie: Asia, Comunicati Stampa, Diritti Umani
Tags: , , , ,

Notizie giornaliere

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.


Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

2a Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

App Pressenza

App Pressenza

Milagro Sala

Canale di youtube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.