Protesta elettronica per la democrazia

30.08.2011 - Il Cairo - MISNA Missionary International Service News Agency

Il Consiglio incaricato di condurre il periodo di transizione seguito alla caduta del raìs non è stato l’unico organismo preso di mira dagli attivisti: almeno 20.000 messaggi sono stati inseriti da veri e propri ‘hacker’ sul sito internet del governo – che attualmente è emanazione della giunta militare – e su quello del ministero degli Interni.

Ad animare la protesta è stato il movimento del 6 Aprile, uno dei principali gruppi della società civile egiziana. Secondo stime correnti sono oltre 12.000 i civili attualmente a processo davanti a corti militari e alcuni di questi sarebbero già stati condannati a pene detentive. Gran parte di loro è stata arrestata negli ultimi mesi in seguito a manifestazioni di protesta contro la lentezza delle riforme e il controverso ruolo degli alti vertici militari nel periodo seguito alla caduta dell’ex regime.

Categorie: Diritti Umani, Medio Oriente

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort