I rischi dell’estrazione di gas dal lago Kivu

28.08.2011 - Kigali - MISNA Missionary International Service News Agency

Alla cerimonia d’inaugurazione hanno partecipato il segretario di Stato per l’Energia, Colette Ruhamya, e i rappresentanti della ‘Contourglobal’, l’azienda statunitense titolare del progetto, che gode del sostegno finanziario della Banca Mondiale.

Se nelle intenzioni del governo il gas del Lago Kivu dovrebbe permettere di aumentare i rifornimenti di energia per la popolazione, perlopiù concentrata in aree rurali, è già in atto un dibattito sulla futura ripartizione dell’energia prodotta: finora alla sola capitale Kigali, che conta solo un decimo della popolazione totale (circa 11 milioni di abitanti) va l’80% delle capacità energetiche del paese.

Altro punto di discordia, la posizione geografica delle riserve di metano: il Lago Kivu segna il confine naturale tra il “paese delle mille colline” e il suo immenso vicino, la Repubblica Democratica del Congo, invasa durante la guerra e con la quale intrattiene spinose relazioni. Se il presidente congolese Joseph Kabila intrattiene buoni rapporti con il suo omologo ruandese Paul Kagame, la popolazione delle province congolesi del Nord e Sud-Kivu denuncia le continue ingerenze e incursioni di ruandesi nel loro territorio. Esisterebbe un’intesa tra Kinshasa e Kigali per lo sfruttamento del gas del Kivu e, dal versante congolese, lo sfruttamento del prezioso metano potrebbe cominciare nel 2013.

Ma a preoccupare non sono solo questioni economiche o politiche: diversi esperti scientifici hanno messo in guardia contro i pericoli dell’estrazione di idrocarburi dal Lago Kivu. Se una fuga dovesse far arrivare il gas in superficie, l’effetto sarebbe simile a quello di una bottiglia di birra agitata, ha spiegato il professore George Kling, dell’Università del Michigan. Potrebbero essere intossicati molti dei circa 2 milioni di abitanti dei dintorni del lago. I rischi non sono solo dovuti a eventuali malfunzionamenti dell’impianto estrattivo: l’area conta infatti diversi vulcani attivi che provocano frequenti movimenti tellurici.

Categorie: Africa, Ecologia ed Ambiente

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort