Gli indigeni avranno voce sullo sfruttamento delle loro terre

24.08.2011 - Lima - MISNA Missionary International Service News Agency

Il nuovo Congresso frutto delle elezioni di aprile, che hanno portato alla presidenza il nazionalista di sinistra Ollanta Humala, ha adottato la normativa all’unanimità dei presenti in aula (113 su 130 seggi). Un evento che entrerà nella storia del Perù, secondo il primo deputato indigeno amazzonico eletto nel paese andino, Eduardo Nayap, dell’etnia Awajun.

In conformità con la Convenzione 169 dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil/Ilo), che il Perù ha ratificato oltre 15 anni fa senza mai applicarla, la nuova legge non attribuisce un vero e proprio diritto di veto dei popoli nativi sullo sfruttamento delle risorse, ma, in caso di contenzioso, obbliga lo Stato a trovare soluzioni di consenso che ne rispettino i diritti.

A detta di Nayap potrà contribuire a evitare i conflitti sociali legati alla difesa dell’ambiente, per gli scettici potrebbe invece dissuadere gli investitori stranieri nel settore energetico e minerario.

Categorie: Ecologia ed Ambiente, Internazionale, Sud America

Newsletter

Inserisci la tua email qui sotto per ricevere la newsletter giornaliera.

Cerca

Il canale Instagram di Pressenza

Documentario: L'inizio della fine delle armi nucleari

Documentario: RBUI, il nostro diritto di vivere

Mobilitiamoci per Assange!

App Pressenza

App Pressenza

Canale di YouTube

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

International Campaign to Abolish Nuclear Weapons

Archivi

xpornplease pornjk porncuze porn800 porn600 tube300 tube100 watchfreepornsex

Except where otherwise note, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

maltepe escort