Sei qua: Home » Regione » Asia » Redattore del quotidiano Dawn trovato assassinato a Karachi

Redattore del quotidiano Dawn trovato assassinato a Karachi

Murtaza Razvi, Periodista.
Pressenza IPA | Pressenza

Reporter senza Frontiere apprende con dolore dell’assassinio di Murtaza Razvi, redattore aggiunto del quotidiano di lingua inglese [Dawn](http://www.dawn.com), il cui corpo senza vita è stato trovato ieri in un appartamento di Karachi, capoluogo della provincia meridionale di Sindh. Aveva le mani legate, e sul corpo segni di tortura e di strangolamento.

 “Non essendoci finora indizi evidenti per quanto riguarda i possibili motivi, la polizia non deve escludere la possibilità che l’uccisione di Razvi sia legata al suo lavoro di giornalista”, ha dichiarato Reporter senza Frontiere, porgendo le proprie condoglianze a parenti e amici della vittima.

 “Gli attacchi e le intimidazioni contro i giornalisti sono abbastanza comuni in Pakistan, e in particolare nella città di Karachi, dove, nello scorso anno, c’è stato il tentato omicidio di [Syed Shahryar Asim](http://en.rsf.org/pakistan-acts-of-intimidation-against-two-01-08-2011,40724.html) e l’uccisione di [Wali Khan Babar](http://en.rsf.org/pakistan-young-tv-reporter-gunned-down-in-14-01-2011,39323.html). Attacchi che spesso rimangono impuniti. Le autorità devono fare di tutto per mettere fine a questo circolo di impunità”.

Il corpo di Razvi è stato scoperto da un amico, lo scultore Shahid Rassam, nello studio di quest’ultimo in un quartiere residenziale vicino Karachi. La corda con la quale sarebbe stato strangolato è stata ritrovata dalla polizia nell’appartamento stesso.

A quanto ha dichiarato Rassam, Razvi gli aveva chiesto le chiavi dello studio, ma in seguito non era più stato rintracciabile nè nel suo ufficio nè al cellulare. La moglie di Razvi ne aveva denunciato la scomparsa la sera del 18 aprile.

La polizia ha aperto un’inchiesta. Nessuna delle bande armate attive nella regione ha finora rivendicato l’uccisione, e la famiglia sostiene che “non aveva nemici”. In un [articolo](http://dawn.com/2012/04/20/colleagues-tribute-to-murtaza-razvi-fm/) in memoria del suo collega Omar R. Qureshi ricorda che Razvi era “senza paura” e questo traspariva nei suoi “editoriali pungenti e incisivi”.
 
Giornalista da oltre 20 anni, il quarantasettenne Razvi aveva lavorato come redattore per il Dawn Media Group in Lahore prima di trasferirsi a Karachi, dove, come ricorda il suo collega Eshwar Sundaresan, aveva scritto [articoli](http://dawn.com/author/murtazarazvi/) “che richiedevano un coraggio esemplare”.

Razvi ha scritto anche una biografia dell’ex primo ministro Pervez Musharraf (“Musharraf: the years in power”), pubblicata nel 2009.

Si tratta del secondo omicidio di un giornalista in Pakistan quest’anno, dopo quello di [Mukkaram Khan Atif](http://en.rsf.org/pakistan-tribal-journalist-shot-dead-in-17-01-2012,41694.html). Il Pakistan è stato, negli ultimi due anni, il paese più letale al mondo per i lavoratori dell’informazione, con 10 giornalisti uccisi nel 2011.

Traduzione di Giuseppina Vecchia

Informazioni sull'Autore

Freedom of expression and of information will always be the world’s most important freedom. If journalists were not free to report the facts, denounce abuses and alert the public, how would we resist the problem of children-soldiers, defend women’s rights, or preserve our environment? In some countries, torturers stop their atrocious deeds as soon as they are mentioned in the media. In others, corrupt politicians abandon their illegal habits when investigative journalists publish compromising details about their activities. Still elsewhere, massacres are prevented when the international media focuses its attention and cameras on events. Freedom of information is the foundation of any democracy. Yet almost half of the world’s population is still denied it. rsf.org

Numero di voci : 334

Except where otherwise noted, content on this site is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International license.

Scrollare verso l'alto